Il congedo del Dirigente e di quattro docenti del Giannone

dav

Sabato 12 nel cortile della scuola, quest’anno utilizzato pochissimo a causa della pandemia, la comunità giannoniana ha salutato quattro colleghi e il Dirigente Scolastico che hanno raggiunto la meritata pensione.

In un clima partecipe, in cui non sono mancati i momenti di commozione, le professoresse Annapia De Bellis (Scienze motorie), Pompea Chiavelli (Scienze), Enza Ullo (Scienze), il prof. Giuseppe Addona (Filosofia e Storia) e il D.S. prof. Luigi Mottola hanno ricevuto i doni e le parole di commiato dei colleghi, del personale ATA e di una rappresentanza studentesca.

La professoressa Paola Del Gais, già collaboratrice della precedente D.S., prof. ssa Norma Pedicini, vicaria nell’ultimo quadriennio, a nome dell’intero collegio, ha ricordato come l’arrivo di Luigi Mottola fosse stato preceduto dalla fama di Dirigente scrupoloso e attentissimo agli obblighi di legge. Egli ha mostrato dedizione, impegno e costanza inusuali nel perseguire l’obiettivo di migliorare la qualità del Liceo nella scia di chi l’aveva preceduto con proposte e progetti che hanno consentito al Giannone di “volare alto” (e di raggiungere 770 iscritti e 35 classi). In particolare, quando è esplosa l’emergenza pandemica, che ha provocato smarrimento in alunni, famiglie e docenti, il Dirigente si è mostrato capace, anche in virtù dell’esperienza maturata come responsabile sannita dell’ANP (Associazione Nazionale Presidi), di trasmettere a tutte le componenti scolastiche serenità in virtù di una rigorosa ma intelligente applicazione delle norme, consentendo di affrontare al meglio le sfide poste dalla DaD e dalla DDI, facendo in modo che divenissero per tutti anche occasione di crescita. Ma il risultato più importante è stato la creazione di un clima di lavoro ottimale, di cooperazione e sinergia palpabile nella vita quotidiana del Liceo.

Per tutti questi motivi la comunità giannoniana plaude al suo Dirigente, sapendo di poter contare sul suo supporto e sui suoi consigli anche per il futuro, e ringrazia i colleghi, augurando loro vita piena e serena.

È prassi di lunga data che un docente (in passato Arnaldo Viscardi, negli ultimi anni la professoressa Caterina Conti) dedichino ai pensionandi un acrostico.

Ecco quello dedicato al Dirigente:

 

Molto competente sapevamo il dirigente

Oramai conoscitor di ogni tipo di docente.

Tante carte da compilare quotidianamente

Tanta sicurezza e norme sempre nella sua mente.

Or lo aspettano viaggi o giardinaggio?

La sua famiglia sopporterà il suo monitoraggio

 

Amandolo perché è un uomo buono e saggio.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here