Scuola, costituzionalista Guzzetta: “obbligo green pass minori? Crea effetto paradosso”


Roma, 2 dic. (Adnkronos) – L’obbligo del green pass sui mezzi pubblici per gli adolescenti a partire dal prossimo 6 dicembre è “una misura di contenimento coerente con le altre. Nel caso dei mezzi pubblici utilizzati dagli studenti la questione si fa però molto delicata per i minorenni i quali potrebbero trovarsi tra l’incudine dei genitori che non vogliono vaccinarli o farli tamponare e il martello di un legislatore che chiede loro, per andare a scuola, di avere quei requisiti che non gli vengono invece domandati per l’accesso negli istituti scolastici (dove non è richiesta la certificazione verde agli studenti – ndr)”. Lo dice all’Adnkronos il costituzionalista Giovanni Guzzetta, professore ordinario a Tor Vergata secondo cui l’obbligo “crea un effetto paradosso, pertanto la misura necessita a mio parere di un approfondimento da parte del legislatore. Forse per i minori l’intervento deve essere pensato nei confronti di coloro che esercitano la potestà genitoriale”.

Secondo il costituzionalista, “la conseguenza di questa norma è paradossale rispetto all’obiettivo: c’è il rischio che coloro che fanno le spese delle sanzioni (i minori senza green pass che non possono accedere ai mezzi pubblici) non siano effettivamente i responsabili delle scelte che hanno provocato l’esclusione, perché non sono loro a poter decidere se vaccinarsi o tamponarsi, ma i loro genitori”. Quali potrebbero essere le soluzioni? “Ovviamente ce ne sono diverse a seconda del punto di vista che si preferisce: Potrebbe essere l’obbligo vaccinale per minori, misure incentivanti o sanzionatorie per i genitori affinché consentano ai figli di rispettare gli obblighi – risponde Guzzetta – Si potrebbe tuttavia anche esonerare i minori dal green pass almeno nelle fasce orarie scolastiche”.

(di Roberta Lanzara)

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here