Ucraina: Castaldo (M5S), ‘Ue chieda a Cina di uscire da ambiguità’


Roma, 6 apr. (Adnkronos) – “Ho apprezzato l’approccio dell’Ue al Summit Ue-Cina, un incontro difficile a cui siamo arrivati, non dimentichiamolo, con molti europarlamentari ancora oggetto delle sanzioni di Pechino e in un contesto internazionale estremamente complesso. L’elefante nella stanza è stato, ovviamente, l’invasione russa dell’Ucraina con l’appello dell’Unione europea affinché la Cina fosse d’aiuto per porre fine al conflitto e l’ambiguità di Pechino che ha fornito risposte evasive e nessuna esplicita rassicurazione. Come politici abbiamo il dovere di dire le cose come stanno e quello che vedo da parte della Cina è un atteggiamento attendista ed una mancanza di volontà di assumere una posizione chiara che non fa altro che aiutare Putin a guadagnare tempo per continuare a portare avanti la propria sanguinosa aggressione contro l’Ucraina e cambiare i confini con la forza bruta”. Così Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, in un intervento in plenaria.

“L’Ue -aggiunge- deve continuare insistentemente a chiedere che Pechino abbandoni quest’ambiguità, poiché il passo tra un silenzio colpevole e l’essere complici è breve e quest’atteggiamento non è compatibile con le aspirazioni autoproclamate della Cina di essere un attore globale di pace e di stabilità. Se la Cina vuole essere dalla parte giusta della storia deve prendere una decisione ora”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here