Covid. Fortini,virus più aggressivo,apprensione per scuole

Assessore regionale:Primaria il 18,poi priorità quinte superiori

“C’è grande preoccupazione rispetto alla riapertura delle scuole, non solo in Campania. Ho sentito anche i colleghi assessori di Veneto e Puglia e anche da parte loro c’è prudenza. La verità è che le proiezioni dei virologi dicono che ci si aspetta una salita dei contagi ma soprattutto perché il numero di persone che si ricovera è diminuito ma la gravità della patologia è aumentata, il virus è più aggressivo”. Lo afferma all’ANSA Lucia Fortini, assessore regionale all’istruzione della Campania. Fortini spiega così la decisione di far slittare all’11 gennaio la ripartenza di prima e seconda elementare in presenza e al 18 quella dell’intera scuola primaria.

“Ieri sera – spiega Fortini – c’è stata una riunione dei presidenti di Regione che hanno parlato anche della scuola e non mi stupirebbe sapere di uno slittamento anche da parte del governo. La situazione, ripeto, è preoccupante. Avevamo pensato di tornare in presenza il 7 gennaio ma poi mi hanno fatto notare che si andrebbe a scuola solo due giorni prima del week end e così partiamo lunedì 11, poi dal lunedì successivo, il 18 parte tutta la primaria, su questo c’è una possibilità che ritengo molto alta di riuscita: la trasmissione del contagio è molto bassa, non prendono i mezzi pubblici e sono più attenti alle regole”.

Il problema resta la scuola secondaria, le medie e le superiori. “Io credo – spiega Fortini – che si potrebbe aprire il 25 la secondaria di secondo grado, in particolare le quinte, che hanno l’esame di maturità, e i laboratori delle superiori. Se lo slittamento sulle secondarie diventa di due settimane, infatti, per me la priorità diventano queste classi più che le scuole medie”.

(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here