Università, Acocella (rettore telematica): “Contagi bassi, abbiamo raddoppiato immatricolazioni”

Roma, 21 gen. (Adnkronos) – La pandemia ha portato bene alle università telematiche. “La nostra situazione è florida. Abbiamo raddoppiato le iscrizioni rispetto all’anno scorso (da 60 a 120 matricole), seppur partendo da un plafond molto basso poiché la nostra è una università che punta al rapporto diretto con gli iscritti, circa 3mila studenti, non è una università di massa”. Ad intervenire con l’Adnkronos è Giuseppe Acocella, professore emerito dell’Università Federico II di Napoli e rettore dell’università telematica Giustino Fortunato di Benevento che sul fronte contagi afferma: “le percentuali sono molto basse. Si è contagiato il 5% dei professori. Il 10% del personale amministrativo. Le lezioni riprenderanno a febbraio. Siamo stati cautelosi fin dall’inizio, bloccando tutte le attività in presenza ed attivandole in telematica, che da noi è molto sviluppata”.

“Riteniamo che anche a fine pandemia questo incremento si consoliderà – prosegue il Rettore – Noi infatti puntiamo al rapporto diretto con gli studenti, ciascuno dei quali ha un tutor personale e la possibilità di frequentare in presenza seminari, anche offerti in video lezioni, riascoltabili in qualunque momento e continuamente aggiornate per essere stimolanti”. Una sorta di didattica mista, in base alla quale gli esami si svolgono con obbligo di presenza in ateneo per i docenti, ma non necessariamente per gli studenti. “Non vogliamo togliere solennità al momento dell’esame, ma dipende se le condizioni lo consentono”, spiega il rettore promuovendo a pieni voti questo modo di insegnare combinato tra presenza e distanza per l’univerisità, che è “comunità di sapere specializzato”, ma non per la scuola dove “si costruisce la comunità delle relazioni più che dei contenuti”.

“Lo studio a distanza a scuola è punitivo. Bene ha fatto il ministro Bianchi a lasciare aperte le scuole e supportare con ausili tecnici e telematici. Anche se potrebbe essere un errore – conclude il rettore del’università telematica – pensare di risolvere così i problemi atavici della scuola. L’online può essere un ausilio, non una soluzione”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here